Accedi

Come chiudere un conto corrente

Chiudere un conto corrente è un'operazione molto semplice, che non necessita di particolari accorgimenti. La prima cosa da sapere è che la chiusura di un conto corrente è gratuita: non esistono spese accessorie da pagare e il cliente può decidere di chiudere un conto corrente in qualunque momento, senza avere penali.

chiudere conto corrente


La procedura prevede una serie di operazioni fondamentali, senza le quali la banca non potrà provvedere a chiudere il conto corrente:

  • Compilare l'apposito modulo di chiusura del c/c, disponibile in ogni filiale bancaria (la richiesta può essere fatta anche con raccomandata consegnata a mano o spedita)
  • Assicurarsi che il conto sia a credito, altrimenti saldare il debito e le relative spese con interessi
  • Restituire alla banca tutti i servizi offerti, come bancomat, carta di credito o libretto assegni, assicurandosi che, anche qui, non siano presenti debiti.
  • Se si hanno abbonamenti o addebiti aperti nel proprio conto corrente, chiuderli o trasferirli nel nuovo c/c aperto
  • Se il vostro conto corrente è cointestato bisogna sapere se le firme sono disgiunte; in questo caso basta la richiesta operata da solo uno degli intestatari, in presenza di firme congiunte invece devono essere tutti gli intestatari a siglare la richiesta di chiusura
  • Se invece possedete una carta di credito collegata al conto le cui spese vengono addebitate il mese seguente dovrete attendere che venga eseguito l’addebito. Occorrerà attendere anche quando sono stati emessi assegni non ancora riscossi e nel caso in cui si sia chiesto l’addebito delle bollette di gas, luce ecc., si deve infatti aspettare che la banca effettui i pagamenti in scadenza.


I tempi medi di chiusura si aggirano da 15 a 20 giorni lavorativi. Sarà che per aprire sono spesso tutti molto gentili e disponibili invece quando c’è da chiudere un rapporto si dimostrano spesso molto restii.

 

Commenti