Accedi

Un italiano su tre non arriva a fine mese

Quasi un italiano su tre, il 30,8%, non riesce ad arrivare a fine mese con le proprie entrate. Le regioni più in difficoltà sono quelle del Mezzogiorno dove si manifesta la più alta concentrazione di chi non arriva a fine mese (41,9% per il Sud) o è costretto ad utilizzare i propri risparmi (il 64% per il Sud e il 58,9% per le Isole).

A lanciare l’allarme povertà è l’Eurispes nel rapporto 2013. “Per questa domanda – ha spiegato l’Istituto – è stato registrato un tasso di non risposta decisamente alto (12%) che potrebbe indicare un disagio maggiore rispetto a quello rilevato”. Tra quanti arrivano comunque alla fine mese non manca chi, il 51,8%, vi riesce soltanto utilizzando i propri risparmi.

img src="http://th.polisblog.it/Tkb0IbH6xZ_DNIzwhvyzwBOhl7k=/fit-in/655x437/http://media.polisblog.it/3/3d5/foto276.jpg" alt="governi fuffa" width="600" style="border: 0px; border: 0px;">

Tentare di risparmiare qualcosa risulta praticamente impossibile per tre italiani su quattro (74,7%). Sul versante delle difficoltà incontrate dagli intervistati nel pagamento delle rate del mutuo o nel saldo mensile dell’affitto per la casa, si registra nel primo caso un disagio che tocca il 29,1% e, nel secondo, il 26,8%. Il numero di quanti hanno preferito non indicare una risposta precisa tocca livelli elevati (rispettivamente il 21,5% e il 30%) tali da far ritenere più alta la quota di chi ha difficoltà a far fronte all’impegno mensile per saldare la rata del mutuo o l’affitto della propria casa.

Disoccupati o inoccupati, ovvero in cerca di nuova o prima occupazione si confermano le categorie maggiormente in difficoltà, incapaci di arrivare a fine mese rispettivamente nel 44% e nel 48% dei casi oppure costretti ad utilizzare i propri risparmi, nel 72% e nel 68% dei casi. (TMNews)

Commenti